AREA PAZIENTI

Informazioni Generali sulla Risonanza Magnetica Cardiaca: Quali sono le fasi di una RM cardiaca?

ACCOGLIENZA
Il giorno programmato per l’esecuzione dell’esame il paziente viene invitato a raggiungere il Laboratorio di RM Cardiaca almeno 30 minuti prima dell’inizio della procedura in maniera da consentite la registrazione e la preparazione all’esame vero e proprio. Il paziente può assumere farmaci eventualmente inclusi nella propria terapia domiciliare, salvo casi in cui venga diversamente raccomandato. E’consigliabile mantenere un digiuno di 3 ore.
Dopo il suo arrivo, il paziente viene intervistato dal personale del Laboratorio allo scopo di identificare e discutere indicazioni e controindicazioni alla procedura. E’ di enorme importanza che il paziente presenti documentazione di ogni consulto medico ed esame diagnostico cardiologico eseguiti in precedenza.Il colloquio si conclude con la firma da parte del paziente (o del suo tutore legale) del modulo di consenso informato all’esecuzione dell’esame.

PREPARAZIONE
Il paziente sarà invitato a rimuovere gli abiti e gli accessori (inclusi anelli, orecchini, orologio, ecc.) e ad indossare un camice e calzari monouso forniti dal personale del Laboratorio. Gli oggetti personali potranno essere riposti in un armadietto munito di lucchetto (non custodito).
Nel caso di pazienti che devono effettuare un esame con mezzo di contrasto (gadolinio), una piccola agocannula viene posizionata in una vena del braccio. Si tratta di un mezzo di contrasto diverso da quello iniettato in esami radiologici che impiegano radiazioni ionizzanti. Reazioni da ipersensibilità al gadolinio sono rare ed in genere lievi (es. cefalea, sensazione di calore al viso, vomito, rash cutanei), mentre reazioni gravi sono estremamente rare.

POSIZIONAMENTO
Il paziente viene invitato ad accomodarsi supino sul lettino dell’apparecchio RM. Elettrodi adesivi simili a quelli impiegati per l’elettrocardiogramma vengono applicati al torace per registrare il ritmo cardiaco durante l’esame. Inoltre, un frequenzimetro con ossimetria (mollettina applicata ad un dito della mano) ed uno sfigmomanometro (bracciale per la pressione) vengono posizionati per il monitoraggio dei parametri vitali.
Un’antenna di superficie dall’aspetto simile ad un canestro piatto viene poggiata sul torace e bloccata con delle stringhe.
Il magnete produce rumori intensi nel corso dell’acquisizione delle immagini, per cui il paziente devra’ indossare delle cuffie nel corso dell’esame. Attraverso le cuffie il paziente potra’ ascoltare della musica a rendere piu’ confortevole il tempo trascorso nella sala del magnete.

RACCOMANDAZIONI
Una volta posizionato nel grosso tubo rappresentato dal magnete e’ fondamentale che il paziente rimanga immobile nel corso dell’esame per non compromettere la qualità delle immagini ottenute.
E’ importante considerare che l’interno del magnete e’ costituito da uno spazio ristretto che può provocare una sensazione di disagio più o meno accentuata. Tale sensazione tende ad attenuarsi fino a sparire nel corso dei primissimi minuti e solo in rari casi può precludere l’esecuzione dell’esame.
Nel corso dell’intera durata dell’esame il paziente rimarrà sotto costante contatto visivo da parte del Tecnico di RM seduto alla console dei comandi dell’apparecchio. Inoltre, il paziente potrà comunicare con gli operatori tramite un interfono ed avrà a disposizione un interruttore collegato ad un campanello da premere in caso di comunicazioni urgenti.
Poichè molte immagini vengono ottenute durante brevi periodi di apnea, il Tecnico fornirà ripetutamente semplici istruzioni riguardanti la respirazione. La capacità da parte del paziente di seguire tali istruzioni e’ un elemento fondamentale per la buona riuscita dell’esame.