Le malattie cardiovascolari: piano e obiettivi dell'OMS per il 2025

Sotto la guida dell'OMS, nel 2013 tutti gli Stati membri (194 paesi) hanno concordato meccanismi globali per ridurre l'onere evitabile dei DCD, compreso un "Piano d'azione globale per la prevenzione e il controllo dei DCD 2013-2020". Questo piano mira a ridurre del 25% il numero di decessi prematuri da malattie non trasmissibili entro il 2025 attraverso nove obiettivi globali volontari. Due degli obiettivi globali si concentrano direttamente sulla prevenzione e il controllo dei CVD.

 

Piano d'azione globale per la prevenzione e il controllo dei CCD 2013-2020

Il sesto obiettivo del piano d'azione Global NCD prevede una riduzione del 25% della prevalenza globale dell'aumento della pressione sanguigna. L'aumento della pressione sanguigna è il principale fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. La prevalenza globale di aumento della pressione sanguigna (definita come pressione sistolica e / o diastolica maggiore o uguale a 140/90 mmHg) negli adulti di età pari o superiore a 18 anni era di circa il 24,1% negli uomini e del 20,1% nelle donne nel 2015. Il numero degli adulti con aumento della pressione sanguigna è aumentato da 594 milioni nel 1975 a 1,13 miliardi nel 2015, con un aumento in gran parte nei paesi a basso e medio reddito.

Ridurre l'incidenza dell'ipertensione implementando politiche a livello di popolazione per ridurre i fattori di rischio comportamentali, incluso l'uso dannoso di alcol, l'inattività fisica, il sovrappeso, l'obesità e l'assunzione elevata di sale, è essenziale per raggiungere questo obiettivo. È necessario adottare un approccio a rischio totale per la diagnosi precoce e la gestione economica dell'ipertensione al fine di prevenire infarti, ictus e altre complicanze.

L'ottavo obiettivo del piano d'azione Global NCD afferma che almeno il 50% delle persone idonee dovrebbe ricevere terapia farmacologica e consulenza (incluso il controllo glicemico) per prevenire infarti e ictus. La prevenzione di infarti e ictus attraverso un approccio di rischio cardiovascolare totale è più conveniente rispetto alle decisioni di trattamento basate esclusivamente sulle soglie dei singoli fattori di rischio e dovrebbe far parte del pacchetto di benefici di base per perseguire una copertura sanitaria universale. Il raggiungimento di questo obiettivo richiederà il rafforzamento delle componenti chiave del sistema sanitario, incluso il finanziamento dell'assistenza sanitaria, per garantire l'accesso alle tecnologie sanitarie di base e ai farmaci essenziali per la NCD.

Nel 2015 i paesi inizieranno a fissare obiettivi nazionali e a misurare i progressi compiuti rispetto alle linee di base 2010 riportate nel "Rapporto sullo stato globale delle malattie non trasmissibili 2014". L'Assemblea generale delle Nazioni Unite convocherà una terza riunione di alto livello sugli NCD nel 2018 per fare il punto dei progressi nazionali nel raggiungimento degli obiettivi globali volontari entro il 2025.

 

 




28/05/2018