Tai Chi, un’attività che fa bene al cuore

Come e perché il Tai Chi Chuan fa bene al cuore

 

Tai Chi Chuan e cuore

 

Tai Chi Chuan, dove l’abbiamo già visto?

Può capitare di vederli in parchi e giardini, ma anche sulle spiagge o, semplicemente, nelle piazze delle nostre città: sono gruppi di persone che eseguono in silenzio piccoli movimenti armoniosi: movimenti lenti e circolari che fanno pensare a una sorta di rituale o danza, ma che in effetti mimano la lotta con un avversario immaginario.

 

Stanno facendo Tai Chi, o Tai Chi Chuan, una pratica molto antica nata in Cina come sistema di autodifesa e divenuta con il passare del tempo una forma di esercizio per il benessere fisico e psichico: una sorta di declinazione orientale ante litteram del concetto occidentale di mens sana in corpore sano. Del resto, anche quando era concepita esclusivamente come arte marziale – il significato letterale di Tai Chi Chuan è “suprema arte di combattimento” –, la ricerca di armonia ed equilibrio era alla base della disciplina.

 

Filosofia orientale e benessere

Per la filosofia orientale il Tai Chi si rifà al concetto taoista di equilibrio tra gli opposti – Yin e Yang –, rappresenta la struttura base dell’Universo da cui traggono origine l’energia e la materia, e mira a sviluppare l’energia interiore della persona – il “Chi” di Tai Chi Chuan” –, considerata decisamente più potente della mera forza fisica.

 

Anche al di là della sua dimensione filosofica, si tratta di un’attività in grado di apportare benefici all’organismo, adatta in molti casi anche a chi ha problemi cardiaci. Nel Tai Chi, infatti, l’obiettivo del raggiungimento dell’armonia dello spirito passa attraverso l’armonia del corpo, perseguita mediante sequenze di movimenti lenti e consapevoli concatenati gli uni agli altri ed eseguiti in modo uniforme e sequenziale.

 

I benefici del Tai Chi Chuan

Di fatto il Tai Chi Chuan è un’attività aerobica che, senza particolari sforzi fisici, concorre a migliorare la salute e a favorire l’equilibrio psicofisico di coloro che la praticano. Migliora la mobilità delle articolazioni grazie all’estensione di tendini e muscoli; contribuisce ad alleviare dolori articolari, alla schiena e alle spalle; rende la respirazione più profonda favorendo l’ossigenazione dell’organismo; aiuta a ridurre lo stress.

 

Inoltre, le attività del Tai Chi Chuan si possono svolgere praticamente ovunque con un abbigliamento comodo: non richiedono strumenti e attrezzature specifici, né palestre o spazi indoor particolari. Anzi, molte scuole di Tai Chi Chuan organizzano corsi, sessioni e uscite di pratica all’aria aperta, per favorire il contatto con la natura.

 

L’assenza di “condizioni esterne” non deve però far pensare che i benefici del Tai Chi Chuan siano conseguibili con troppa facilità: prima di tutto, per avvicinarsi al Tai Chi è bene affidarsi alle indicazioni di istruttori qualificati, in modo da apprendere movimenti e respirazione corretti; in secondo luogo, perché la pratica sia efficace deve essere regolare e costante. In altre parole, occorrono disciplina, perseveranza e pazienza. Proprio come in Oriente raccomandano i grandi maestri, e come anche da noi vale per qualunque attività dalla quale ci attendiamo benefici concreti per la salute del nostro corpo.

 

Il Tai Chi Chuan e il cuore

Concepito come una sorta di “meditazione lenta in movimento”, il Tai Chi prevede un’attività a intensità aerobica variabile da bassa a moderata e, comunque, adattabile alla condizione e alle esigenze del singolo individuo. Quest’ultima caratteristica, in particolare, lo rende interessante tanto ai fini della prevenzione delle patologie cardiache, specie per le persone meno giovani, quanto come attività adeguata anche a soggetti che hanno già sviluppato malattie del cuore.

 

In entrambi i casi, il Tai Chi fa bene alla salute del cuore perché combina in un’unica attività esercizio fisico, efficienza respiratoria, riduzione dello stress, regolazione emotiva e sostegno del gruppo: interviene, quindi, a livello sia fisico sia psicologico contribuendo a contrastare diversi fattori di rischio delle malattie cardiache.

 

Come e perché il Tai Chi fa bene al cuore

Negli ultimi decenni si sono moltiplicati studi e ricerche scientifiche sugli effetti della pratica regolare del Tai Chi per la salute del cuore.

 

Tra gli altri, uno studio pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology e condotto a Hong Kong su cittadini anziani che avevano praticato Tai Chi Chuan per almeno 90 minuti a settimana per tre anni ha mostrato che, rispetto al gruppo di controllo, questi soggetti avevano una migliore pressione sanguigna e una migliore compliance arteriosa (cioè la capacità delle arterie di dilatarsi), indicatore significativo di un sistema cardiovascolare sano.

 

Secondo un altro studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association (JAHA), gli esercizi tradizionali cinesi come il Tai Chi sembrano contribuire alla salute e al benessere dei pazienti con malattie cardiache, pressione alta o conseguenze di ictus.

 

Pubblicata anch’essa sul Journal of the American Heart Association, una meta-analisi di 35 studi, che ha coinvolto un totale di 2.249 partecipanti di 10 Paesi, ha rilevato – rispetto ad altre forme di esercizio o anche nessuna attività – l'efficacia del Tai Chi nella prevenzione cardiovascolare o nel recupero nei partecipanti con malattie cardiovascolari, evidenziando come questo tipo di esercizio aiuta a ridurre la pressione sanguigna sistolica e diastolica, e permette di ottenere piccole ma significative riduzioni dei livelli di colesterolo "cattivo" e dei trigliceridi.

 

Un altro studio recente ha documentato l'efficacia della pratica del Tai Chi nell'alleviare alcuni dei sintomi delle malattie croniche tra i quali l'insufficienza cardiaca.

 

Altre ricerche pubblicate sempre su JAHA hanno evidenziato come la respirazione associata al Tai Chi – meditativa, lenta e profonda – concorre ad abbassare la pressione sanguigna, a dilatare i vasi sanguigni e a migliorare la circolazione. Inoltre l'enfasi posta dal Tai Chi sulla respirazione dal diaframma può anche ridurre il carico di lavoro del cuore.

 

E, ancora, la pratica del Tai Chi può essere associata favorevolmente alla riabilitazione cardiaca dopo un infarto del miocardio.

 

Tai Chi e benessere

Da tenere in conto sia in termini di prevenzione delle patologie cardiache sia in termini di supporto per coloro che le hanno già contratte, sono anche i benefici del Tai Chi sulla componente psicologica e sul benessere complessivo.

 

Sempre il tipo di respirazione praticato in questa disciplina ad esempio, unito allo stile armonioso della gestualità e alla fluidità dei movimenti, calma il sistema nervoso, riduce lo stress e migliora l'umore. La concentrazione mentale favorisce l’allontanamento delle emozioni e dei pensieri negativi.

 

Uno studio recentissimo – presentato nel giugno 2021 all’EuroHeartCare-ACNAP Congress 2021 della Società Europea di Cardiologia (ESC) – ha inoltre suggerito che il Tai Chi ha il potenziale per ridurre la depressione, l'ansia e lo stress e migliorare il sonno nelle persone che hanno avuto un ictus, grazie al fatto che si concentra sul rilascio della tensione nel corpo e promuove il rilassamento generale del corpo e della mente: una tesi basata al momento sull’analisi di un numero contenuto di casi, ma che merita senz’altro un approfondimento scientifico.

 

Più in generale, ancora, la pratica del Tai Chi Chuan aumenta la consapevolezza di sé e promuove uno stile di vita sano ed equilibrato, grazie alle componenti meditative e di riflessione sviluppate attraverso questa disciplina.

 

Infine è fondamentale, anche nel supporto delle persone affette da patologie cardiache, la dimensione “sociale” del Tai Chi. Durante le sessioni di attività, infatti, il praticante interagisce con l’istruttore e con gli altri praticanti: il senso di appartenenza a un gruppo di soggetti o a una piccola collettività e la percezione della connessione con altre persone possono avere un effetto positivo anche per la salute del cuore, tanto per la prevenzione quanto per la riabilitazione.

 



02/09/2021