Patologie cardiache e Covid-19, due nemici da combattere

Sta per concludersi un anno che ci ha complicato la vita. Tutti abbiamo dovuto fare i conti con l’incertezza di quanto stava accadendo, la paura per la nostra salute e quella dei nostri cari, i condizionamenti nella vita quotidiana, le relazioni limitate, le difficoltà pratiche… Tutti abbiamo subito le conseguenze della pandemia. Ma qualcuno ne ha fatto le spese più degli altri.

 

I malati di cuore, ad esempio. In caso di infezione da (nuovo) coronavirus, i cardiopatici sono particolarmente vulnerabili: chi ha una malattia cardiovascolare non rischia più degli altri di contrarre il virus, ma, se lo contrae, rischia più degli altri che la malattia abbia un decorso grave.

 

Lo sanno bene i medici del Dipartimento Cardiotoracovascolare dell’Ospedale Niguarda, in prima linea da molti mesi sia per combattere il Covid-19, sia per continuare a prendersi cura del cuore dei pazienti.

 

In questo anno i loro sforzi si sono moltiplicati, non solo nell’attività di cura, ma anche nella ricerca, con l’obiettivo di ottenere dati preziosi per migliorare il trattamento dei malati di cuore con Covid-19.

 

Noi della Fondazione A. De Gasperis, a nostra volta, sentiamo la responsabilità di continuare ad aiutare il Dipartimento – che sosteniamo da oltre 50 anni nella ricerca, nella prevenzione e nella cura delle patologie cardiache – in questo sforzo straordinario: le malattie del cuore sono ancora oggi la prima causa di morte in Italia e il Covid-19 rischia di dare loro ancora più spazio: il nemico numero uno della nostra salute ha un alleato, noi vogliamo contribuire a sconfiggerli entrambi.

 

Con questo obiettivo abbiamo lanciato una nuova Raccolta fondi Covid-19. Ti chiediamo di aiutarci a portarla a termine per supportare il Dipartimento Cardiotoracovascolare in questa doppia, importante sfida.

 

 

Schierati al nostro fianco.

Sostieni la Fondazione A. De Gasperis




 

 

18/12/2020