1° Convegno Nazionale di Ecocardiochirurgia

Milano, 15-17 ottobre 2007

Questo convegno nasce dal desiderio di dare ai partecipanti uno strumento culturale di aggiornamento “vero”.

Tutto è stato pensato per poter offrire, in breve lasso di 2 giorni e mezzo, una messa a punto dei principali temi della Ecocardiochirurgia.
Con questo neologismo, da noi introdotto per la prima volta, intendiamo una nuova ed importante nicchia della cardiologia che si affaccia prepotentemente accanto a quella dei cardiologi interventisti e degli elettrofisiologi. In questo nuovo spazio di interesse culturale, del quale fanno naturalmente parte i colleghi cardiochirurghi ed anestesisti rianimatori, avranno sempre maggiore importanza tutte le metodiche di imaging non invasivo, le innovazioni di tecnica cardiochirurgica e di assistenza perioperatoria del cardiopatico.
La nostra convinzione è che Ecocardiochirurgia racchiuda una ampia nicchia di competenze interdisciplinari nella quale ognuno ha la curiosità di apprendere metodi, difficoltà, potenzialità e risultati dell’altro.

La struttura del convegno è nuova per almeno tre motivi fondamentali: la particolarità di essere rivolta a colleghi di almeno 3 diverse specialità mediche, l’intento di mettere al centro del nostro lavoro le aspettative di chi ascolta, la modalità di svolgimento dei lavori.
Ecocardiochirurgia è il primo convegno nazionale organizzato per dibattere temi di interesse per tre discipline specialistiche: la cardiologia, la cardiochirurgia e l’anestesiologia/rianimazione. Siamo convinti di avere ideato il naturale spazio di confronto per migliorare sempre più la correttezza delle indicazioni cardiochirurgiche, il controllo dell’esito dell’intervento correttivo, l’efficacia dell’assistenza postoperatoria, il follow-up dei pazienti cardiochirurgici.
La scelta degli argomenti è stata molto laboriosa per il desiderio di selezionare i temi che fossero davvero di interesse pratico per chi, tutti i giorni, lavora sul campo. Nella scelta abbiamo quindi prediletto gli argomenti che riguardano le problematiche cliniche più complesse per il cardiologo, il cardiochirurgo e l’anestesista rianimatore.
Abbiamo dovuto infine cercare la quadratura del cerchio tra varie esigenze: la necessità di trattare temi di grande interesse per tutti, di non trascurare gli argomenti più di nicchia, di offrire una proposta culturale con una importante interazione relatore-partecipante.
La struttura del convegno prevede 7 simposi plenari nella sala principale e diverse sessioni di “esercitazioni interattive”, in sale più piccole e senza discussione finale proprio per favorire un continuo confronto tra relatori e partecipanti



Vi aspettiamo a Milano per condividere con voi un nuovo spazio di aggiornamento che è destinato a crescere.

Antonio Mantero - Ettore Vitali


Documentazione:

06/07/2007