L’evoluzione nel trattamento delle valvulopatie: la centralità del paziente e il Team Approach

Milano, 11 Novembre 2011

ore 9.00 - 16.00
Novotel Milano Nord Ca’ Granda
Viale Suzzani, 13/15 - 20162 Milano


L'iscrizione è gratuita

Nel corso degli ultimi dieci anni il trattamento chirurgico e percutaneo della valvulopatia cardiache si è evoluto sotto molteplici punti di vista.

Innanzittuo, il continuo perfezionamento tecnologico permette di offrie ai pazienti protesi volvolari sampre sempre più affidabili, sopratto a lungo termine, e con una migliore performance emodinamica.

In secondo luogo, si è affermato l'utilizzo di accessi mini-invasivi al cuore ed ai grossi vasi al fine di eseguire interventi cardiochirurgici a cuore aperto ed in circolazione extrocaporea, minimizzando il trauma biologic0 imposto al paziente rispetto all'intervento tradizionale, e offrendo inoltre un indubbio beneficio casmetico.

L'evoluzione tecnologica ha permesso anche il trattamento di pazienti precedentemente considerati o rischio molto elevato e a cui, pertanto, veniva negato il trattamento chirurgico.

Infine, l'aspetto più, affascinante e promettente di questa evoluzione è rappreentato dalla sinergia delle nuove tecniche che, combinate opportunamente, possono permettere la risolutione di problemi clinici ed anatomici di notevole difficoltà, non altrimenti gestibili. Se da un lato la sinargia offre la possibilità di "confezionare" i trattamento "su misura" del paziente, dall'altro richiede la quotidiona integrazione delle cornpetenze del cordiochirurgo e dell'dinarnista. In tal senso, l'adozione di un "team approach* appre essenziale nonchè obbligatoria, affinchè le nuove tecniche passono esprimere completamente il loro potenziale ed i pazienti possano godere del massimo beneficio clinico.



Documentazione:

26/10/2011