Attività fisica, non solo: Movimento intelligente

Almeno mezz’ora di attività fisica per tre volte la settimana e il rischio di andare incontro ad un infarto cala. Potrebbe bastare questo dato per spiegare quanto è importante muoversi regolarmente e a tutte le età, considerando anche che il consumo di calorie dello “sport” permette anche di combattere efficacemente il peso in eccesso.

L’importante è che lo sforzo sia “intelligente” e commisurato alle potenzialità dell’organismo, altrimenti si rischia di avere più danno che beneficio.

Quindi occorre “disegnare” insieme al medico un percorso ideale per la propria attività, che consideri l’età e la resistenza allo sforzo.

Non dimenticare
Lo sforzo deve essere di tipo aerobico, cioè non intenso ma costante nel tempo.

Sono controindicate per il cuore le corse velocie gli sport come il sollevamento pesi, che sono invece anaerobici.

Pochi strappi, andamento “lento” ma costante.

Queste regole perché l’attività fisica sia davvero utile per il cuore. Insieme al medico si può scegliere ciò che più piace, a patto che si seguano alcune semplici regole per “muoversi” al meglio.

L'ideale sarebbe dividere la propria attività in tre fasi:

  • il riscaldamento, che deve durare una quindicina di minuti e preparare i muscoli allo sforzo


  • lo sforzo vero e proprio


  • la fase di recupero, di circa dieci minuti


  • In questi passaggi bisogna imparare a controllare il cuore.
    Come? Semplice: basta “ascoltare” i battiti.

    Prendi le misurazioni al polso appoggiando l’indice sulla parte esterna dell’avambraccio all’altezza del polso.

    Conta per quindici secondi e moltiplica per quattro. Avrai il quadro dell’attività cardiaca durante lo sforzo.

    Il nuoto
    E’ un’attività fisica ideale per il cuore. Meglio tenere una velocità ridotta che aumenta progressivamente, in modo da non “esagerare” nelle prime vasche e con una breve pausa tra una vasca e la successiva

    Il ciclismo (in strada o in camera)
    Pedalare regolarmente è una delle attività più efficaci per tenersi in forma, perché cuore e polmoni lavorano costantemente senza particolari sforzi. Meglio mantenersi in pianura, evitando gli strappi, soprattutto se si soffre di ipertensione.

    Corsa lenta
    Camminare a buon ritmo e fare una corsa lenta per chi è più allenato sono buone alternative. Si tratta infatti di attività aerobiche, con un efficace ricambio di ossigeno e quindi aiuta il cuore a contrarsi oltre a favorire lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni.

    RICERCA

    Cerca negli approfondimenti
    e negli articoli:

    ARTICOLI

    LA VOCE DEL CUORE