Alimentazione: Ferro

Spesso conciliare gli impegni lavorativi con quelli casalinghi, la famiglia con gli amici, è faticoso e può capitare di sentirsi stanchi e un po' esauriti.

Se la sensazione di stanchezza persiste, però, è meglio indagare perché potrebbe essere dovuta a una carenza di ferro, carenza che non va trascurata, visto che questo metallo è il pezzo più importante dell'emoglobina, proteina che trasporta l'ossigeno nel sangue.

Poca emoglobina vuol dire poca energia e quindi pallore, stanchezza e anemia. In Europa il 20-30 % delle donne in età fertile sono colpite da anemia perché non è facile assumere ferro in quantità sufficiente da raggiungerne il fabbisogno giornaliero che, per una donna, è di circa 18 mg, mentre per un uomo o per donne in menopausa è di 10 mg.

Il problema di questo minerale dipende dalla sua bio disponibilità, cioè dalla sua attitudine a essere prima assorbito dall'intestino e poi assimilato dalle cellule che lo devono utilizzare.
A influenzare la bio disponibilità del ferro possono essere vari fattori, non tutti ancora chiariti.

La vitamina C, per esempio, la fa aumentare, mentre la cellulosa e l'acido fitico presente nei cereali e nei legumi, la diminuiscono.
Gli spinaci contengono più ferro di qualsiasi altra verdura, però purtroppo resta disponibile per l'organismo in quantità veramente ridotta (1,4%).

La carne e il pesce, invece, contengono ferro in forma agevolmente utilizzabile e conviene ricordare che il petto di tacchino ne contiene più della carne bovina.

Uno degli alimenti che in base al suo contenuto di polifenoli riduce l'assimilabilità del ferro, è il tè.

Questa bevanda, però, ha altre importanti caratteristiche che la rendono apprezzabile.

Ad esempio non dà calorie (lo zucchero che vi aggiungiamo sì!), contiene fluoro e aiuta nella prevenzione della carie anche se poi i tannini, le sostanze che gli danno corpo e colore, possono macchiare tazze e denti.

Il tè contiene la teina che aumenta la concentrazione, aiuta la respirazione e favorisce la diuresi.

Mediamente una tazza di tè contiene 14-35 mg di caffeina contro i 50-120 mg del caffè e poiché questa sostanza stimola la secrezione acida dello stomaco, se ne sconsiglia il consumo a chi soffre di ulcere e comunque si suggerisce di berlo a stomaco pieno.

L'azione più positiva, comunque, è dovuta ai flavonoidi che si comportano da antiossidanti, difendendo l'organismo dai radicali liberi, responsabili dell'invecchiamento e dell'aterosclerosi.
A questo proposito sembra che il tè verde sia più efficace di quello nero, ma comunque l'importante è non consumare il tè con il latte perché quest'ultimo lega i flavonoidi impedendone l'assorbimento

RICERCA

Cerca negli approfondimenti
e negli articoli:

ARTICOLI

LA VOCE DEL CUORE