Alimentazione: Latte

Abbiamo spesso ricordato quanto sia fondamentale cominciare la giornata con una sana colazione in grado di fornire quelle energie necessarie per il lavoro e lo studio.

Alimento principe della prima colazione è da sempre il latte.

Per il suo elevato valore nutritivo, il latte è considerato prodotto base nell'alimentazione dell'individuo in tutte le fasce d'età, ma vediamo di conoscerlo meglio tracciando una scheda completa di questo famoso nutriente.

CARATTERISTICHE:

Il latte contene:

  • proteine (caseine e sieroproteine) pari a 3.2 g/100 ml. Tali proteine sono considerate ad elevato valore biologico in quanto complete per il contenuto in aminoacidi e facilmente digeribili e utilizzabili da parte dell'organismo;


  • lipidi (3.5 g/100 ml per il latte intero; 1.8 g per il parzialmente scremato; 0.3 g per lo scremato) costituiti da:
    grassi saturi (una parte dei quali ha un valore prevalentemente energetico e non aterogeno);


  • monoinsaturi (principalmente oleico, acido grasso privo di effetto aterogeno, e di colesterolo);


  • grassi insaturi (in modeste quantità).


  • carboidrati (lattosio composto da glucosio e galattosio che, pur essendo zucchero a basso potere dolcificante, conferisce al latte il caratteristico gusto dolciastro).


  • vitamina A, D, e gruppo B (soprattutto B2 e acido pantotenico).


  • Il latte è la principale fonte di calcio; anche il fosforo vi è contenuto in buone quantità. Trascurabile è invece il contenuto in ferro, mentre significativamente presenti sono potassio, cloro, sodio e magnesio. Pur essendo in forma liquida (con contenuti in acqua pari all'87-88% del totale) il latte è da considerarsi a tutti gli effetti un alimento sia per la presenza di principi nutritivi sia per il contenuto energetico pari a 61 kcal/100 g per il latte intero, 49 kcal per il parzialmente scremato e 36 kcal per lo scremato.

    VALORE NUTRITIVO:

    500 ml di latte corrispondono, come apporto proteico, a 100 g di carne; la stessa quantità di latte consumata con 100 g di pane copre il fabbisogno giornaliero in aminoacidi essenziali per l'individuo adulto.

    Per l'elevato valore nutritivo il latte è consigliato:

  • ai bambini e agli adolescenti in fase di accrescimento, come fonte energetica, proteica, di minerali;


  • agli anziani come fonte di calcio, di energia e proteine. Nell'anziano, come nel cardiopatico, può essere indicato il consumo di latte scremato per il ridotto
    tenore in grassi e in colesterolo, pur rimanendo preservato il contenuto in calcio. Se, in conseguenza all'assunzione di latte, si presentano disturbi intestinali (dolore addominale, meteorismo, diarrea), può essere consigliabile il latte delattosato, cioè privo di lattosio (tipo Accadì);


  • agli sportivi per ripristinare le perdite di liquidi, energia, proteine e minerali.



  • Autore: Roberta Spiti

    RICERCA

    Cerca negli approfondimenti
    e negli articoli:

    ARTICOLI

    LA VOCE DEL CUORE