Alimentazione: Cenone Natalizio

I periodi di festa comportano per tutti delle "sregolatezze" alimentari. Cerchiamo di adottare qualche utile accorgimento per limitare i danni:

1) mezz'ora prima di sederci a tavola mangiamo una mela, oltre a far bene smorzerà la fame evitando le abbuffate;

2) evitare o limitare gli antipasti come salumi, prodotti sott'olio o in salamoia, cibi in scatola, formaggi spalmabili, patè tutti troppo ricchi di colesterolo e sodio (causa di ipertensione e arteriosclerosi). In alternativa meglio preferire un'insalata mista o un antipasto di mare;

3) per i primi prediligere consimenti leggeri senza panna e burro;

4) utilizzare poco sale durante la cottura dei cibi;

5) via libera per il classico cappone o tacchino natalizio con verdure di contorno. Scelta ideale per il pesce (in particolare salmone fresco, tranci di tonno, ricciola, pesce azzurro, trota) ricco di acidi grassi, gli Omega 3.

Questi grassi proteggono il cuore, le arterie, la pelle e prevengono l'arterioscelosi. Evitare però la cottura alla brace che provoca la formazione di sostanze tossiche. Permesso qualche "peccato" per i dolci (panettone, torrone, frutta secca) simboli della festa, ma senza esagerare.

Ideale un bel sorbetto di frutta, leggero e digestivo.

RICERCA

Cerca negli approfondimenti
e negli articoli:

ARTICOLI

LA VOCE DEL CUORE