Alimentazione: Cene salutari

Le trascorse feste di Natale e Capodanno, ricorrenza lieta e gioiosa perché sono un momento privilegiato per vedere parenti e amici, per fare un po' di vacanza e per godere della buona cucina, non costituiscono, però, le sole occasioni conviviali che si rincorrono durante l'anno.

Ogni opportunità fa sicuramente bene al cuore in senso emotivo, ma bisogna adoperarsi perché non lo danneggi con un eccessivo apporto calorico e di colesterolo.

Un primo basilare aspetto da considerare è il totale di calorie ingerite per pasto che, quando supera le 2000, mette a dura prova, durante la digestione, qualunque cuore, anche se perfettamente sano.

Inoltre, l'uscire al freddo dopo aver cenato in ambienti magari troppo riscaldati provoca una brusca vasocostrizione, sempre dannosissima.

Gli alimenti tipici di questo periodo sono, purtroppo, tutti molto ricchi di colesterolo, ma anche molto invitanti e per questo va operata una scelta rigorosa: o pochi assaggi, o un solo piatto a cui non riusciamo proprio a rinunciare.

Un utile consiglio è comunque quello di non saltare mai un pranzo in previsione di un cenone importante perché poi vi si arriva affamati, si mangia troppo e si rischia di avere difficoltà a digerire.

E' possibile sostituire alcuni alimenti con delle alternative altrettanto gustose, ma più sane:

per gli antipasti si può pensare a un'insalata di mare al posto dell'insalata russa o dei salumi, e inoltre si possono condire i gamberetti con poco olio, prezzemolo e succo di limone, eliminando salse a base di maionese;

per i primi piatti si possono scegliere dei ravioli in brodo sgrassati, visto che ne bastano pochi e non hanno bisogno di condimento;
per secondo si può scegliere un branzino al sale o un petto di tacchino arrosto.

Importante è evitare condimenti a base di burro, panna e uova oppure sostituire, con un po' fantasia, il classico cotechino d'inizio anno con salsicciotti alla soia, senza rinunciare, però, alle lenticchie che oltre a portare soldi tengono a bada il colesterolo, proprio come fa la frutta secca. Vi auguriamo buon anno e brindiamo con voi con un buon bicchiere di champagne perché, purché sia solo uno, fa allegria e non è certo dannoso!!!

RICERCA

Cerca negli approfondimenti
e negli articoli:

ARTICOLI

LA VOCE DEL CUORE