Alimentazione: Tempi e metodi di cottura

Troppo spesso si rinuncia al buon proposito di applicare alla dieta quotidiana alcune regole per eliminare l’apporto di grassi, perché si pensa che i cibi preparati utilizzando accorgimenti per uno stile di cucina salutare, perdano il loro gusto.
Se è vero che quella dietetica è la cucina che si basa sul ridotto contenuto di chilocalorie e una scarsa presenza di carboidrati, è vero anche che non dà consigli su come esaltare le sostanze nutritive in esse contenuti, senza disperderle ad esempio con cotture sbagliate od immersioni in acqua troppo prolungate.
Una cucina salutista indica come manipolare e cucinare tutti gli alimenti, mantenendo tutte le loro potenzialità nutrizionali ed il loro gusto, evitando di usare condimenti aggiunti o in eccesso.
E se il problema non dipendesse da quali ingredienti si mescolano, ma da alcuni accorgimenti importanti per far rimanere all’interno dei cibi stessi tutte le loro proprietà alimentari?
Ad esempio, parliamo dei tempi e dei metodi di cottura.
I tempi di cottura influiscono sulle proprietà nutritive degli alimenti: maggiori sono i tempi di cottura, maggiore è la perdita delle sostanze nutritive contenute negli alimenti.
Non solo: più lunghi sono i tempi di cottura degli alimenti e più lungo sarà il processo digestivo. Rimanendo ad una temperatura corporea di 37°C nel nostro organismo, il cibo si deteriora senza essere stato ancora digerito.
I tempi di cottura brevi facilitano la digestione: gli alimenti in questo caso trattengono alcuni enzimi che migliorano il processo di divisione di alcune molecole (soprattutto per le proteine e gli amidi), che saranno quindi assimilate meglio e più rapidamente.

Di seguito alcuni accorgimenti:

Cottura al vapore. Permette di cucinare in modo veloce e sano e lascia inalterati il gusto e le proprietà nutritive indispensabili alla salute del corpo. Mettere a bollire una zucchina signifi ca disperdere nell’acqua il 95% delle sue sostanze nutritive! Cucinandola al vapore per circa 6 minuti, intera e non tagliata permetterà di trattenere il gusto e le potenzialità alimentari.

Olio a crudo. Ricordate che l’olio cotto e magari bruciato diventa tossico per il nostro organismo. Un cucchiaino di olio a crudo renderà una zucchina cotta al vapore un contorno di qualità.

Le vitamine sono idrosolubili. Meglio sciacquare le verdure piuttosto che metterle a mollo nell’acqua per tempi lunghi. Un breve ammollo con qualche goccia di amuchina sarà sufficiente per garantire un’igiene.

Cottura delle carni. La temperatura del contenitore di cottura deve sempre essere alta. I pori della carne devono chiudersi il più velocemente possibile da ambo le parti. A piacere, la cottura interna sarà più o meno al sangue.

Un buon brodo. Si ottiene inserendo gli ingredienti a freddo che rilasceranno tutte le loro sostanze nell’acqua all’aumentare della temperatura.

Autore: Sabrina Sperotto

RICERCA

Cerca negli approfondimenti
e negli articoli:

ARTICOLI

LA VOCE DEL CUORE