Alimentazione: Vitamine e Sali Minerali, le grandi protagoniste

Settembre e l’autunno, la stagione dell’uva!
Approfittiamo di questo frutto di prim’ordine per le sue numerose proprietà.
E’ un alimento energetico ricco di glucidi, come glucosio e fruttosio, e di minerali, come potassio, calcio, magnesio, fosforo, manganese, ferro, iodio e arsenico.
Contiene, inoltre, le vitamine A e C essenziali per assicurare il buono stato dei vasi sanguigni e per svolgere una azione antiossidante e l’enocianina che agisce come tonico. Nell’uva è presente anche la vitamina B6 necessaria per individui contratti, nervosi, insonni, e per tutti coloro che hanno bisogno di rilassarsi.
L’uva è molto digeribile perché il suo zucchero, fattore costitutivo del sangue, è facilmente assimilabile e costituisce il punto estremo dell’elaborazione di tutti i carboidrati.
Ha diverse proprietà terapeutiche: è lassativa e diuretica, quindi indicata nei casi di stitichezza, calcolosi epatica e urica, uremia, affezioni renali, ma possiede anche proprietà rilassanti.
E’ povera di cloruro di sodio e perciò indicata ai sofferenti di gastrite.
Il succo d’uva contribuisce alla scomparsa dei disturbi causati dall’ipertensione arteriosa. Aggiungiamo che i sali di potassio contenuti nell’uva esercitano una azione cardiotonica non trascurabile.
L’uva agisce beneficamente su tutti gli organi della digestione, per il suo apporto di vitamina B2, attiva la funzione epatica e stimola l’appetito.
Il miglior modo di trarre profitto dall’uva è quello di mangiarla al mattino come prima colazione o al pomeriggio come merenda.
Tutte le uve vanno bene: le uve più zuccherine sono le più nutrienti, quelle leggermente acide le più depurative.
Una raccomandazione: lavare bene i grappoli sotto l’acqua corrente per eliminare i residui dei prodotti chimici utilizzati dai coltivatori.

Autore: Patrizia Valentina Arcuri

RICERCA

Cerca negli approfondimenti
e negli articoli:

ARTICOLI

LA VOCE DEL CUORE